Vittoria sofferta ma meritata

Si chiude con una vittoria sofferta ma meritata la partita della #asdromaninacalcioa5 contro il S. Andrea Osteria Nuova. Prima della sosta per permettere alla Nazionale di giocare l’amichevole contro l’Inghilterra la squadra di Mister Sciarra si impone per 2-1 soffrendo nel finale dopo il doppio vantaggio acquisito, complice una autorete di Salaro che rimette gli avversari in gioco.

“- Dovevamo cominciare bene il girone di ritorno e così è stato” – ha commentato il Mister- “Serviva un’ottima prova per superare il S. Andrea O.N., i ragazzi lo sapevano. Non hanno mollato mai in nessuna situazione di gioco e alla fine è arrivata una vittoria tutto sommato meritata. Questa partita ha messo in mostra i nostri miglioramenti rispetto alla partita di andata e allo stesso tempo ci ha fatto capire che la strada tracciata è quella giusta.
Vorrei sottolineare la prova di Alessio, che ha firmato il suo primo goal stagionale. Un chiaro segno che tutti sono indispensabili e miglioriamo settimana dopo settimana”-.

A seguire il pagellone di Emiliano “#Ziliani”!

ALESSIO: in una partita tesissima e dal risultato sempre in bilico, la sua dedizione alla causa è una garanzia per mister e compagni; sblocca il risultato con una rete pregevolissima, anticipando difensore e portiere ospiti con un guizzo alla Inzaghi, dimostrando la sua abilità anche sotto rete. SUPERPIPPO

MASSIMO: l’aspetto angelico ne cela la scorza da duro, e in campo esibisce una grinta mai vista finora; sulla fascia di destra ingaggia duelli senza timore alcuno, anche con avversari decisamente più prestanti, interrompendo spesso manovre potenzialmente pericolose. PROSPETTO

DAVIDE: polveri bagnate per il bomber di stagione, paga forse la stanchezza di un fine settimane senza regole, più da rockstar che da atleta; riesce in ogni caso a mettere lo zampino sul raddoppio e a sfiorare il gol con una punizione che avrebbe meritato maggior fortuna. CALIMERO

ALESSANDRO: entra in scena quando la tensione è altissima, mettendo in campo una corsa senza soste e la consueta dose di agonismo, lasciando agli avversari solo le briciole; tra l’averlo in squadra e il non averlo passa la stessa differenza che c’è tra il lavare i panni a mano o con una lavatrice Miele. GARANZIA

LEONARDO: trafitto solo dal fuoco amico, offre una prestazione maiuscola; gli attaccanti avversari si rivelano impotenti al suo cospetto, e lo vedranno spesso comparire nei loro incubi notturni; anticipa di una settimana la Pasqua, con un intervento miracoloso nel finale che salva anche il presidente da sicura defibrillazione. DIVINO

VALERIO Q: una delle soluzioni più geniali di mister Sciarra, che da attaccante lo reinventa difensore; sempre sicuro nell’anticipo, non lascia mai respiro agli avanti avversari, costretti a rinculare il più delle volte; il suo primo tempo sarà ricordato come la perfezione assoluta. DIDATTICO

VALERIO S: l’esemplificazione delle soddisfazioni di un mister, che vede plasticamente i frutti del suo lavoro; dagli impacci di inizio anno a prestazioni come questa, che ne certificano una crescita esponenziale; segna una rete bellissima, mostrando una calma olimpica nel beffare con un pallonetto l’estremo difensore avversario in uscita disperata su un compagno. CUCCHIAINO

EMANUELE: onora al meglio i gradi di capitano, dando l’esempio a tutta la squadra per impegno e attaccamento alla maglia, finendo la partita esausto; offre una prestazione maiuscola e getta nello sconforto gli attaccanti avversari, che lo vedono sbucare dal nulla, rubare palla, scomparire di nuovo. FANTOMAS

EDOARDO SC: agisce sulla fascia, sfoderando una prestazione tutta grinta e si dimostra in costante crescita tecnico tattica; il suo andirivieni sull’out ricorda lo scratchare dei dj di una volta; si adegua alla versione musicale e suona la carica al grido di “andiamo a comandare!” ROVAZZI

EDOARDO SA: arriva al campo in ritardo, si veste in fretta e furia, e mette gli scarpini al contrario… un suo retropassaggio, appena appoggiato, finisce all’incrocio dei pali, attentando alle coronarie del tesoriere, visibilmente scosso per l’accaduto; nell’occasione, si guarda gli scarpini e ride… FRASTORNATO

MATHIAS: dinamismo e sfrontatezza al servizio della squadra, non si risparmia in nulla; sulla sinistra, con l’esterno basso, forma una catena che abbina solidità difensiva e incisività in avanti; nonostante sia dotato di un gran tiro, è ancora alla ricerca della prima marcatura personale. GODOT

NICOLAS: combattivo, entra subito nel clima di una partita dalle fortissime emozioni; determinato e deciso nei contrasti, per una volta mette da parte il fine tocco per presentarsi al cospetto degli avversari armato di un poderoso martello, che incute il dovuto rispetto. THOR

MISTER MATTIA: c’è da riscattare la sconfitta dell’andata e il mister carica la squadra come poche altre volte; rischia di essere dilaniato dalla tensione, ma riesce a trasmettere ai ragazzi le giuste motivazioni, oltre alle solite preziose indicazioni tecnico tattiche, e viene ripagato con una prestazione impeccabile; non fa sconti a nessuno, a dimostrazione che non esistono prime donne e che il collettivo viene prima di tutto. CONCRETO

ALESSIO QUARESIMA: tonico e aggiornato dopo la due giorni di Coverciano, sfata finalmente il tabù che non vedeva mai la squadra vincente con lui direttore di gara; pignolo, conta i passi per la barriera ed esige un rigoroso rispetto della distanza; il minuto di recupero finale innervosisce un po’ il presidente, ma a fine partita c’è il chiarimento negli spogliatoi. IMPECCABILE

FRANCESCO TRENTA: la partita emozionante gli permette di immortalare situazioni e momenti straordinari, e sciorina scatti come fosse Helmut Newton; al momento dell’autogol ha un mancamento, e cerca invano il mago di Milano per chiedere spiegazioni… IRACONDO

SARA PANCIOLI: prima donna nella storia del calcio a 5 a ricoprire ruolo di dirigente accompagnatore, non fa in tempo a ricevere un riconoscimento dalla Boldrini, appena avvicendata alla presidenza della Camera; la stessa però le fa avere una lettera, in cui la ammonisce di farsi chiamare con i giusti termini: dirigenta accompagnatora; per il prestigioso primato verrà in ogni caso premiata dal presidente Putin in occasione della cerimonia di apertura dei prossimi mondiali. Saroska Panciolova

Precedente Una partita che ci lascia l'amaro in bocca... Successivo Parola d'ordine...Sofferenza!